Inviato da il
SOCIAL:

Gina Lollobrigida sposa a sua insaputa

Ha preso in moglie un mito del cinema mondiale, in attesa di un' eredità da colossal.

Gina Lollobrigida sposa a sua insaputa

Ha preso in moglie un mito del cinema mondiale, in attesa di un' eredità da colossal. Peccato che lei, l'attrice, non sapeva di averlo sposato. Gina Lollobrigida, uno dei più grandi sex-symbol degli anni '50, non sapeva di portare al dito una fede nuziale virtuale. E ieri ha formalizzato davanti ai carabinieri la denuncia contro il suo ex-fidanzato, che adesso sarebbe diventato il suo presunto marito: si tratta - secondo la denuncia - di uno spagnolo di 44 anni, il quale avrebbe sposato la 'Lollò per procura a Barcellona, con un inganno. 


Il sospetto è che ora il presunto truffatore aspetti di ereditare tutte le ricchezze della Marylin Monroe nostrana. »Voglio fare luce su questa vicenda«, spiega l'attrice ottantacinquenne. Tanta rabbia da cui traspare anche la delusione per il suo ex, che aveva conosciuto nel 2004 a Montecarlo e con il quale ha avuto una relazione tra il 2006 e il 2007, restando sua amica fino alla scoperta del presunto matrimonio. »Potrei essere stata truffata da Javier: una persona ignobile«, continua la Lollobrigida. Se la truffa dovesse essere accertata, c'è il rischio che lo spagnolo rampante possa figurare legittimo erede della Lollo, che ha anche un figlio, vantando diritti sui suoi beni. Secondo la denuncia, Javier avrebbe sposato l'attrice 'per procurà a Barcellona dopo aver ottenuto la procura dell'attrice relativa ad un altro documento. 


Dopo una serie di strane richieste da parte dello spagnolo, la Lollobrigida aveva avviato una serie di indagini assieme al suo giovane manager Andrea Piazzolla. E proprio su internet ha scoperto il vero nome per esteso dell'uomo, dove avrebbe scovato gli 'altarinì di Javier e dove ha appreso di essere stata portata anche lei all'altare a sua insaputa. »Ho saputo tutto attraverso un sito spagnolo - spiega l'attrice - .Fonti spagnole scrivono che l'uomo è accusato di tante altre truffe, contenute in un documento di decine di pagine«. Nel 2007 Javier chiese e ottenne, al consolato di Spagna a Roma, una procura dalla Lollobrigida con una prima 'firma d'orò, che lo avrebbe messo più al sicuro di una cassaforte: gli garantiva »ogni più ampio potere«. 
Ma la richiesta 'ufficialè dello spagnolo era »per una causa che lui stava affrontando in Spagna«. Il primo vero sospetto arriva all'inizio del 2012, quando Javier - secondo la ricostruzione dell'attrice - le avrebbe telefonato dicendo che in caso di morte voleva lasciarle i suoi beni: per questo lei avrebbe dovuto dichiarare di essere sua moglie. Una richiesta mai assecondata. Infine la scoperta su internet e ieri le dichiarazioni ai carabinieri, proprio quando lo stesso Javier è arrivato a Roma ed è stato informato della denuncia. 


Tutto è finito la scorsa notte con una telefonata tra i due, interrotta bruscamente dalla Lollo: »sei un ignobile«, e giù la cornetta. Lui, infuriato per la denuncia, è subito rientrato in Spagna. Tutta colpa di »un periodo difficile«, si difende la protagonista delle pietre miliari del cinema degli anni '50 e '60. »Pensavo - ha spiegato - che cambiando la mia vita sarei uscita dalla depressione, ma non gli avevo mai dato il mio consenso per sposarmi«. Comunque vada sarà una vicenda amara da buttare giù per la 'Lollò, ora costretta ad inghiottire confetti indigesti. Confezionati in un pacco spagnolo.


Fonte: Leggo.it

Se trovi questo articolo su un blog diverso da "net1news.org" si tratta probabilmente di una copia non autorizzata. L'indirizzo originale di questo articolo è: Gina Lollobrigida sposa a sua insaputa scritto da .